steel-storm-staelhe

Grazie alla vostra Anima per avervi guidati a questo sito

Vi riportiamo un articolo di Joel Ducatillon che ci racconta come nasce la sua ricerca e le tecnologie di quinta dimensione che danno vita tra l’altro all’Acqua Diamante e alla Pietra Diamante.

“È mio dovere presentare qui complessivamente il processo che si manifesta attraverso questa ricerca poco comune.

Di sicuro, non sono una persona piena di diplomi, non ho fatto studi accademici e francamente non avrei mai immaginato di poter compiere tutto ciò una quindicina di anni fa, se non avessi continuato a cercare che cosa dovevo fare su questa terra.

Questa ricerca è cominciata nel 1994, in seguito a tre sogni successivi capitati in un momento di profonda purificazione nella mia vita. Il frutto della ricerca è stato un piccolo tubo di vetro chiamato DNA850, codificato con dei suoni ricavati da numeri e calcoli diversi. Questo lavoro, che è mio, non è un rompicapo intellettuale, ma nasce piuttosto da una serie di passaggi più o meno facili.

Nel marzo dell’anno 2000 l’Acqua Diamante, divenuta moltiplicabile all’infinito, fu trasmessa all’umanità e continua ancor oggi ad essere condivisa in diverse parti del mondo.

Dopo alcune tappe più discrete e circa 9.000 codici più tardi, questi encoder DNA850 si resero utilizzabili per praticare la TRASMUTAZIONE PIRAMIDALE DELLE MEMORIE (P.M.T. – Pyramidal Memories Transmutation).

Le sedute di trasmutazione sono praticate da operatori ed operatrici motivati dallo slancio del cuore, il cui scopo è di aiutare le anime in cerca di crescita e realizzazione. In questo lavoro meraviglioso non si parla di terapia né di spiritualità, perché in questo livello di coscienza lo spirito e la materia sono unificati.

Nel corso della mia crescita sono uscito dal misticismo per integrare un nuovo sguardo sul mondo e soprattutto su me stesso.

Le sedute di PMT che ricevo regolarmente aiutano il mio corpo fisico a digerire questa nuova coscienza, come fa l’Acqua Diamante che, bevuta quotidianamente, addolcisce questa integrazione.

Sento ora che non ci sono situazioni da subire ma da creare, che non ci sono obblighi ma slanci gioiosi in tutti i compiti quotidiani dell’incarnazione, che non ci sono altri esseri ma c’è soltanto il Sé, con la percezione che ne abbiamo.

Non posso dimostrare scientificamente la mia esistenza, ma soltanto le mie sensazioni e le mie reazioni in rapporto alle situazioni.

E’ grazie alle mie reazioni nei confronti di ciò che si presenta che mi scopro e mi miglioro, queste reazioni scompaiono quando le relative memorie sono diventate trasparenti come cristallo e permettono così all’anima di diventare un veicolo competente per il Sé superiore e di vivere questa seconda nascita di cui parlava il Maestro duemila anni fa.

Il mio percorso è quello di uno che cerca se stesso.

La ricerca di cui vi parlo qui, chiamata STEEL STORM STAELHE, i cui frutti sono l’Acqua Diamante, la PMT, la FAA e la EVM, non è una ricerca rivolta all’esterno per trovare qualcosa, ma per trovare me stesso. La mia unica missione, così come per voi, è quella di diventare ciò che IO desidero diventare, e se dicessi “IO SONO” sarebbe allora la fine del movimento di crescita.

Posso essere soltanto nel presente verticale, che a sua volta mi conduce nel suo divenire perpetuo.

Trasmutando le memorie residue del passato impediamo con forza il verificarsi delle situazioni di polarità complementare, il cui scopo normalmente è quello di neutralizzare ciò che resta in noi di “non raffinato”. Così l’avvenire si trasforma in divenire, perché il passato che produce l’avvenire scompare con la sua orda di attaccamenti, anniversari, rituali commemorativi di abitudini alienanti, ecc.

Spero di essere riuscito a farvi venire sete (ma non a darvi da bere), sussurrandovi lo spiraglio di uno sguardo nuovo, quello della conoscenza dell’Albero della Vita che vi incito ad esplorare per la vostra più grande gioia.

Ringrazio i miei cari per aver donato il loro tempo e la loro forza per realizzare questo sito, e tutti coloro che, nel mondo, partecipano a questo lavoro gioioso.”

Joël Ducatillon

Pubblicato originariamente il 4/6/2009.
Aggiornamenti successivi di tempo in tempo.
Trasferito su LiberaMenteServo.com il 8/1/2018.
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *