perdono-padre-madre

Perdono e gli archetipi Padre e Madre

Sappiamo che la nostra vita è stata influenzata, positivamente e/o negativamente, dai nostri genitori. Il modo in cui noi abbiamo reagito all’educazione che ci è stata trasmessa ha creato dentro di noi una serie di conflitti, alcuni consapevoli altri no.

Il perdono lavora in profondità su questa relazione, essendo consapevoli che con un modello interiore di “famiglia” che io giudico negativo o limitante non potrò vivere pienamente e in maniera soddisfacente la creazione di un mio nucleo famigliare.

Liberare “l’immagine” del genitore introiettato libera sia me che il genitore, sapendo che liberando l’altro libero me stesso.

Nella mia professione ascolto ogni giorno persone che hanno la relazione coi genitori molto conflittuale.

L’uomo il più delle volte non si è sentito amato e accolto dalla propria madre e questo crea una difficoltà nella relazione col femminile in cui si sente rifiutato e non amato; la donna invece sente di non essere stata riconosciuta come donna, di non valere, di non essere importante, creando relazioni col maschile conflittuali e dannose.

simbolo-cinese-perdono

 

In entrambi i casi io propongo un lavoro di perdono coi genitori proprio perché la relazione che abbiamo avuto col genitore è il primo imprinting con questi archetipi che ci da’ la struttura primigenia con la quale poi costruiamo le altre relazioni, questo chiaramente a livello inconscio.

A livello universale la madre è l’archetipo del femminile, il principio magnetico, l’accoglienza, il saper attendere, il saper ricevere…. Il padre rappresenta il principio maschile, l’azione, la forza.

Se abbiamo introiettato due archetipi materno e paterno distorti, in base alla nostra esperienza coi nostri genitori, queste energie dentro di noi saranno disarmoniche, in disequilibrio.

Il lavoro col perdono sui genitori serve proprio a lasciare andare queste “impressioni” distorte e liberarsi dai vincoli distruttivi che esse portano.

Perdonando e liberando la madre riequilibrio il concetto del femminile in me, essendo che se in me c’è un giudizio negativo verso di lei non vorrò essere come lei e quindi rifiuterò quella forma. Perdonando il padre potrò ricongiungermi al maschile e avere relazioni più armoniose perché ho sciolto dentro di me la rabbia o il risentimento e rancore di aver avuto un padre che non mi ha riconosciuto o amato.

 

manuela-zavan-tondo-500Manuela Zavan

Counselor & Master ISF

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *