giudizio-martello-1200

Perdono e Giudizio

Il perdono libera da tre forme energetiche che ostacolano la nostra realizzazione: l’identificazione, l’attaccamento e il giudizio.

Quando mi identifico in una emozione o in un aspetto di me e mi attacco ad esso, cerco di difenderlo ad ogni costo e così inizio a criticare e a giudicare tutto ciò che non è in linea col mio sentire. Lo faccio per paura, la paura di sentirmi sbagliato o non accettato.

L’impulso di approvazione è un impulso molto grande nell’essere umano; la necessità di essere riconosciuto, approvato e amato.

La personalità ha in sè il seme della dualità, c’è una parte di me che ammiro e che difendo e c’è una parte di me che nascondo agli altri perché giudico negativa e non voglio che “gli altri” la possano vedere e conoscere. Quando sono identificato in uno di questi due aspetti contemporaneamente giudico l’altro aspetto e inizio a vivere un conflitto interiore lacerante.

Vivendo dalla prospettiva del giudizio sempre vivrò in un mondo duale dove una parte verrà accolta e l’altra rinnegata, quella rinnegata vivrà nell’inconscio e sarà comunque attiva in me ma senza che io ne sia consapevole.

Attraverso il percorso del perdono do’ finalmente voce a quelle parti di me che ho cercato di nascondere solo perché giudicavo negative, è stato il mio giudizio a metterle dentro un cassetto archiviandolo come “non apribile”.

Scopro che non c’è niente di negativo in me, solo parti differenti che compongono una unità.

Per questo il processo del perdono è un percorso trascendentale, perché ti offre l’opportunità di disidentificarti da quegli aspetti che hai giudicato negativi di te, che di solito proietti sugli altri e per esempio decidi di non  frequentare più “quel certo tipo di persone”….

Con gli altri potrebbe anche funzionare ma non puoi fuggire da te stesso!

A volte il livello di insopportazione di sé lo riversiamo sugli altri giudicandoli sbagliati o non compatibili con me. In realtà non sono compatibili con quella parte di me che ho deciso di non vedere a ascoltare.

Il perdono libera da queste tre forme di energia che agiscono nell’essere umano in forma più o meno consapevole. Il perdono è un processo trascendentale che ti porta alla piena realizzazione di te come Essere liberandoti dalla personalità, da ciò che credi di essere.

 

manuela-zavan-tondo-500Manuela Zavan

Counselor & Master ISF

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *